More news – Recent news

Diciassette anni fa, Steve Jobs presentò l’iPhone, un dispositivo rivoluzionario che combinava un iPod, un telefono e un browser Internet in uno. A 500 dollari, era costoso, ma la sua innovazione giustificava il costo, nonostante alcuni difetti iniziali.

Facciamo un salto in avanti fino a oggi, e la mia esperienza con il nuovo visore Vision Pro di Apple, al prezzo di $ 3.500, è stata tutt’altro che stellare. Questo visore per realtà virtuale, che ricorda gli occhiali da sci, mira a fondere il mondo fisico e quello digitale. Apple lo pubblicizza come un “computer spaziale” progettato per lavoro, intrattenimento e gioco.

Senza un’unità di recensione anticipata da Apple, ho acquistato io stesso il Vision Pro. Includendo componenti aggiuntivi essenziali come una custodia da $ 200, AirPods da $ 180 e inserti per lenti graduate da $ 150, il costo aumenta rapidamente. Dopo averlo usato per cinque giorni, non sono ancora convinto del suo valore.

Il Vision Pro sembra meno rifinito rispetto ai precedenti prodotti Apple di prima generazione. Non supera le prestazioni di un computer tradizionale per il lavoro e i giochi disponibili sono mediocri. Una caratteristica unica, le videochiamate tramite avatar digitale, hanno spaventato persino i bambini durante una videochiamata in famiglia.

L’auricolare eccelle nella riproduzione video, offrendo film ad alta definizione e registrazioni 3D personali che rendono il rivivere ricordi passati sia inquietante che affascinante. Tuttavia, aziende come Meta, HTC e Sony hanno lottato per rendere gli auricolari accattivanti per il grande pubblico e la Vision Pro affronta sfide simili.

Sebbene Vision Pro offra un’interfaccia superiore, una migliore qualità delle immagini e più app rispetto ai suoi concorrenti, è più pesante e si affida a una batteria esterna con una durata di sole due ore. Il suo design da maschera da sci è più elegante rispetto ai visori precedenti, ma gli utenti sembrano comunque imbarazzati quando li indossano.

Un’interfaccia migliore

Vision Pro si distingue per un’interfaccia 3D intuitiva controllata da movimenti oculari e manuali. I colleghi si sono rapidamente adattati, trovandola simile all’uso di un iPhone. Le icone delle app appaiono in una griglia e selezionarne una comporta un semplice gesto di pizzico.

La manopola Digital Crown consente agli utenti di passare dalla visione del mondo reale alla messa a fuoco sui contenuti digitali. Sebbene questa funzionalità sia utile, l’auricolare limita comunque la visione periferica, facendomi dimenticare le attività del mondo reale e occasionalmente inciampando sugli ostacoli.

Usare Vision Pro per la produttività implica circondarsi di più app, ma questa configurazione non è più efficiente di un computer tradizionale. Dopo circa 15 minuti di giocoleria tra app, mi sono sentito nauseato. Digitare con la tastiera mobile è noioso e, sebbene sia possibile collegare una tastiera fisica, ciò annulla la portabilità dell’auricolare.

Vision Pro può riprodurre il display di un Mac, ma presenta un ritardo evidente e l’istinto di usare gesti di pizzicamento per il controllo può risultare frustrante.

In cucina, usare l’auricolare per seguire una ricetta mi ha fatto venire la nausea a causa del movimento. Apple consiglia di fare delle pause per prevenire la cinetosi, ma l’auricolare è più comodo se usato da seduti.

Videochiamate e intrattenimento

Per le videochiamate, la funzionalità avatar 3D di Vision Pro è scomoda e poco lusinghiera. Il mio avatar assomigliava a un ritratto da studio di bassa qualità e la mia famiglia lo trovava sgradevole. Perfino i bambini piccoli erano turbati dalla rappresentazione virtuale.

Tuttavia, Vision Pro brilla nella riproduzione video. Lo streaming di film tramite app come Disney+ e Max offre un’esperienza visiva superiore rispetto alle cuffie di Meta. Gli altoparlanti di Vision Pro offrono un suono eccellente, ma la durata della batteria è insufficiente per la maggior parte dei lungometraggi e l’uso prolungato causa affaticamento del collo e degli occhi.

Sebbene Vision Pro possa essere utilizzato come TV personale in situazioni specifiche, come in aereo o in un piccolo appartamento, preferisco la mia TV a schermo piatto per le esperienze di visione condivise.

L’auricolare supporta video spaziali, consentendo agli utenti di visualizzare registrazioni 3D. Nonostante un po’ di granulosità, questi video sono piacevoli, soprattutto per rivivere momenti speciali.

Gioco limitato e considerazioni finali

La libreria di giochi del Vision Pro è attualmente limitata. Mentre alcuni nuovi giochi come Blackbox offrono esperienze inedite, perdono rapidamente il loro fascino. I visori Quest di Meta, con le loro ampie librerie di giochi, rimangono una scelta migliore per il gaming VR.

In conclusione, il Vision Pro è un prodotto di prima generazione impressionante ma incompleto con problemi significativi. Il suo costo elevato e la mancanza di uno scopo chiaro oltre a quello di essere una TV personale di lusso lo rendono difficile da consigliare. L’impossibilità di condividere facilmente le cuffie con altri evidenzia il suo design isolazionista in un momento in cui le persone cercano di riconnettersi.

In definitiva, nonostante il Vision Pro lasci intravedere del potenziale, il suo stato attuale lascia molto a desiderare.

News of interest – Digital media

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *